GIORNATA DELLA MEMORIA 2020

Ovunque sentisse che non vi era più libertà, Erbstein spostò la sua famiglia più vicino a una possibile libertà e il più possibile lontano dalla barbarie che la minacciava: da Lucca a Torino, da Torino all’Olanda, dall’Olanda all’Ungheria attraversando la Germania nazista, e da una parte all’altra di Budapest sfuggendo ai crocefrecciati fino alla liberazione avvenuta grazie all’Armata Rossa.

La sua lezione è: combattere il razzismo si può, arrendersi ad esso non si deve!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.