venerdì, Dicembre 14La vera tragedia non è morire ma dimenticare, e noi non dimentichiamo!

La Balilla di Gigi Meroni al Museo

La Balilla di Gigi Meroni esposta al museo era originariamente concessa in prestito dalla famiglia del campione.

Nel 2017 la famiglia di Gigi ha espresso il desiderio di cedere la macchina e ci ha concesso una prelazione: 30.000 euro.

Il doppio del valore valutato da un esperto del settore automobilistico d’epoca.

Non ci siamo sentiti di lasciare che la storica vettura finisse nelle mani di qualche collezionista privato, che l’avrebbe tenuta gelosamente per se, privando la gente granata e gli sportivi tutti, del piacere di ammirarla nelle sale del Museo.

Abbiamo cosi deciso di fare uno strappo alla regola, ovvero di non acquistare cimeli, in considerazione del fatto che si trattava dell’unico pezzo di altissimo valore esposto al museo e non di nostra proprietà.

L’Associazione Storica Granata, l’ente che ha dato vita e che gestisce il Museo, è un’associazione senza scopo di lucro e senza grosse disponibilità economiche pertanto non finanziabile direttamente, l’unica soluzione è stato rivolgersi ad una banca per un prestito personale della durata di 5 anni sottoscritto dal Presidente Domenico Beccaria, dal Direttore Giampaolo Muliari e della Responsabile Amministrativa Maria Rosa Mascheroni, che fornendo garanzie bancarie immobiliari personali alla banca, hanno ottenuto in prestito la cifra che ha consentito l’acquizione definitiva del cimelio.

Chiunque intendesse aiutare il Museo nel pagamento del prestito, con un offerta mirata a questo scopo, può effettuare un bonifico sul conto

IBAN IT10S0311133220000000000238 

Intestato a Beccaria, Muliari e Mascheroni,

UBI Banca Agenzia di Lainate.

Nella causale non è necessario specificare nulla, trattandosi di un conto dedicato, aperto appositamente per questa operazione e non usato per altri scopi se non questo

Ci è gradito invece il vostro nominativo ed indirizzo, per potervi ringraziare personalmente uno ad uno.